venerdì 28 marzo 2008

"L'Aids esiste?"

"L'Aids esiste?"  
del 24 settembre 2007
tratto da
www.comedonchisciotte.org
a firma di Giovanni Picone

La risposta dedotta, dalle conoscenze che ci trasmettono i media in generale, non può essere che affermativa. Eppure, ci sono molti libri che si pongono questa domanda, e con una serie di dati, e poche congetture arrivano alla conclusione che l’AIDS, non esiste.

È il caso di soffermarci su questa tesi alternativa, portata avanti non da un gruppo di mitomani, ma da ben quattro premi nobel per la medicina, tra cui uno è Mullis che affermò: “se qualcuno avesse isolato il virus HIV ed avesse provato il rapporto causale tra l’HIV e l’AIDS avrebbe con ogni probabilità ricevuto per tale scoperta il Nobel per la medicina. Non ci risulta che tale Nobel sia stato ad oggi assegnato” e l’altro Duesberg, al punto che quest’ultimo ha scritto un libro dal titolo eloquente:
l’AIDS, la grande truffa.

Per addentrarci in questo discorso bisogna dare delle spiegazioni basilari. Come si sa tutte le malattie sono provocate dai virus (es. il morbillo è indotto dal virus del morbillo), e il virus dell’AIDS è l’HIV. Si scopre un virus, quando si riesce ad isolarlo, ebbene l’HIV non è mai stato isolato, infatti le uniche sue foto sono ricostruzioni al computer, questo equivale a dire che non è mai stato scoperto e tutto ciò che si sa inerente a questa questione è solo frutto di svariate congetture, prive di solide basi. Ma c’è anche da aggiungere che il periodo di incubazione (il tempo che intercorre dal presentarsi del virus all’arrivo della malattia) per tutti i virus è tra i dieci e i quindici giorni, mentre il periodo di incubazione dell’HIV è di quindici anni, e questa è una grande anomalia che approfondiremo in un secondo momento.

Una domanda sorge spontanea: “l’AIDS provoca la distruzione del sistema immunitario, quindi se non esistesse, quest’ultimo da cosa sarebbe distrutto?”, la risposta è facilissima, tutte le persone a cui viene diagnosticato l’ AIDS assumono un farmaco chiamato AZT. L’AZT è stato messo a punto nel 1964 da Jerome Horwitz, progettato al fine di distruggere le cellule infette. Anche se non si è rivelato appropriato per tale compito tanto che non fa differenza tra cellule sane, cancerose o virus. Per cui se da una parte può arrestare la duplicazione di quelle malate o dei virus, dall’altra blocca tutti i processi vitali devastando l’organismo. La sostanza si rivelò talmente tossica (letale) che Horwitz neanche ne chiese il brevetto, e archiviò la documentazione. Ma perché questo farmaco così tossico, cancerogeno e privo di effetti benefici continua ad essere somministrato?
La Wellcome (casa farmaceutica produttrice) ha venduto 0.9 tonnellate nel 1987, ed è passata a 44.7 tonnellate nel 1992. Il costo dell'AZT per malato è di circa 300 euro al mese. Il profitto lordo per la Wellcome nel 1993 è stato di 586 miliardi di lire l'anno.

Fortunatamente i dosaggi delle sostanze antiretrovirali (AZT) sono stati alleggeriti nel corso degli anni, e la somministrazione che era continuativa nei primi anni è oggi a cicli: questo ha ridotto fortemente la mortalità dei soggetti trattati, allontanandola da una percentuale che è stata prossima al 100% per parecchi anni. In poche parole secondo i dissidenti la causa di questo enorme numero di morti per AIDS, non sarebbe da attribuire alla malattia in sé, ma al farmaco che dovrebbe curarla. E il test HIV? Il test HIV è tra le cose meno attendibili che ci possano essere, prima di tutto non c’è un unico test, molti test in passato sono stati ritirati perché inattendibili. Ora viene utilizzato il test Elisa che definisce la carica virale con
la PCR (Polymerase Chain Reaction), nonostante l'inventore di questo metodo, il premio nobel K. Mullis, affermi che la PCR non è assolutamente adatta a questo tipo di uso. Poi c’è da sottolineare che i parametri che definiscono se una persona è sieropositiva o meno, sono differenti da un Paese all’altro, es. se un sieropositivo australiano venisse in Italia, di colpo perderebbe la sua sieropositività.

La sieropositività è basata soltanto sulla parola scritta sul foglio di carta. E quella parola è solo il risultato di un test. I medici sono stati espropriati della possibilità di fare una diagnosi, non c'è più confronto, non c'è più la possibilità che uno dica sì e un altro no. La diagnosi la fa esclusivamente il sistema sanitario/farmaceutico che brevetta, approva e produce i test.

Ma allora l’AIDS cosa è? Prima di tutto l’AIDS non è una malattia ma una sindrome (insieme di sintomi), riscontrabili in 29 malattie tra cui la malaria e la tubercolosi. Accade così che se un soggetto è infetto da tubercolosi senza essere sieropositivo, gli vengono somministrati farmaci atti alla sua cura, mentre se lo stesso soggetto è affetto da tubercolosi, e per giunta è sieropositivo, allora gli verrà somministrato l’AZT, il quale causerà la distruzione del suo sistema immunitario. E qui entra in gioco il lungo periodo di incubazione, 15 anni, per dare il tempo a tutti i sieropositivi di essere contagiati dalla tubercolosi e collegare quest’ultima all’AIDS, sulla base di un test fatto 15 anni prima e per giunta inattendibile.

Emblematica è la storia del campione di basket Magic Johnson il quale si ritirò dall'attività perché sieropositivo, prese l'AZT per una settimana e si sentì malissimo. Poi smise e vinse le Olimpiadi. Adesso è sano come un pesce.

Ma non si deve pensare che contro l’AIDS si muovano solo pochi medici isolati, infatti il premier sudafricano sta combattendo da ormai qualche anno una battaglia, contro il potere politico/economico, tanto che dal duemila si rifiuta di importare nel suo paese l’AZT, mentre la corte di Dortmund, il 15 Gennaio
2001, ha emesso una sentenza di condanna ad 8 mesi, con sospensione della pena, in un procedimento per Genocidio (Legge § 220a StGB) contro le Autorità Sanitarie Federali Tedesche e contro il Parlamento della Repubblica Federale Tedesca. Le autorità sanitarie erano accusate di aver diffuso informazioni e foto false relative all’isolamento del virus HIV; il Parlamento Tedesco era accusato di aver assecondato tali menzogne nonostante fosse a conoscenza dal 1994 del fatto che il virus HIV non è mai stato isolato, e che conseguentemente nessun test poteva essere approvato ed utilizzato per definire infette persone che, sane prima del test, sono poi morte dopo un trattamento con farmaci antiretrovirali.

Più di questo?!

Giovanni Picone
24.09.07

21 commenti:

  1. Io ho paura. Ho profondamente paura quando leggo queste cose. Ho paura che le persone finiscano col credere a queste leggende e smettano di avere rapporti protetti, o che, peggio, smettano una cura per loro indispensabile.

    Mullis (che conferma assolutamente che un premio Nobel non fa di una persona un essere onesto) e Duesberg, con tutta la gente che gira intorno a questa storia, sono stati intelligentissimi: hanno cominciato a scrivere cose popolarmente accettabili (perché contro il sistema, perché comode, perché l'animo umano è diffidente e se vede qualcosa di strano in genere non si chiede perché, ma semplicemente non l'accetta) e ci fanno dei gran soldi con la vendita dei libri.

    Nel 2004 ho scritto un post che sbugiardava tutto il discorso, se ti interessa ecco il link

    RispondiElimina
  2. Grazie per il commento Giuliano
    Non voglio assolutamente entrare in polemica ma, la cosa che mi lascia dubbioso è: Se il virus dell'AIDS è stato scoperto, perchè non esiste il suo scopritore? E se esiste il suo scopritore, perchè non è conosciuto?
    Aspetto tue

    RispondiElimina
  3. Di polemiche su quest'argomento ne ho vissute fin troppe, faccio a meno anche io. Rispondo molto brevemente: gli scopritori sono Montagner e Gallo, in due studi uno successivo all'altro e indipendenti, ormai 25 anni fa. Da allora si sono scoperte un'infinità di cose su HIV (su cui ho lavorato anche in tesi).

    Esiste qui un documento in italiano, traduzione di un documento scritto dal National Institute of Health americano, che documenti e prove provate alla mano sbugiarda i punti principali dei dissidenti.

    Voglio solo aggiungere una cosa: non basta dire "sono foto fatte al computer" perché siano effettivamente foto false, quelle di HIV, ma va effettivamente provato che siano false. Le prove che esiste ci sono, le prove che causi la malattia ci sono, le prove che aiuto l'insorgenza di malattie rare ci sono, basta volerle leggere e accettare, e per quanto riguarda quello che dice Mullis ("Una scoperta del genere avrebbe sicuramente portato alla vittoria di un Nobel") posso solo dire: chi ha vinto il Nobel per aver scoperto Ebola, o la SARS, o la febbre di Lassa (tutte malattie peggiori dell'AIDS)? Nessuno.

    Spero solo di essere stato utile.

    RispondiElimina
  4. E come mai è l'unico virus che non ha un sintomo proprio?
    Mah!!

    RispondiElimina
  5. Scusa ma la scomparsa graduale dei linfociti e lo stare malissimo anche per un banale raffreddore tu non li chiami sintomi? Mah...

    RispondiElimina
  6. Certo, ma appunto sono i sintomi del raffreddore.
    Qual'è il suo sintomo? Che forma ha? che struttura ha?
    Queste sono le cose che mi lasciano un po perplesso.
    Scusami se sono pervaso da tutto questo scetticismo, è che un po mi girano le scatole quando, per l'interesse del dio soldo, qualcuno o più ci lucrano sopra.

    RispondiElimina
  7. scomparsa
    dei
    linfociti

    Ecco il sintomo.

    Le case farmaceutiche fanno soldi con HIV? CERTO! Non lo metto in dubbio e sarei in malafede se lo facessi. Hanno ragione a proporre questi farmaci a prezzi stratosferici? Assolutamente no, capisco il loro bisogno (la loro voglia) di profitto, ma qui si gioca sulla pelle di milioni di persone. Sono farmaci inutili? No, le ultime terapie hanno avuto grandi successi e la vita media si è allungata di moltissimo.

    Tornando ai sintomi, c'è febbre all'inizio, anche se non altissima, poi si entra nel periodo di latenza. Con la sindrome conclamata si ha la comparsa di varie patologie associate.
    Ho letto spesso "Sieropositivo + TBC hai l'AIDS, sieronegativo +TBC hai la TBC". Questa frase, messa come vogliono Duesberg e soci, non ha senso. Sei sieropositivo, quindi nel tuo corpo ci sono gli anticorpi anti-HIV, prima o poi il tuo sistema crollerà e avrai altre malattie. Malattie che normalmente non avresti, malattie che normalmente il nostro sistema immunitario combatte efficacemente in continuazione, verso cui ci rende praticamente immuni. La TBC è poi una zappa sui piedi per i dissidenti, per due motivi: primo può infettare anche in condizioni normali (e quindi la frase tra virgolette di prima ha un senso), secondo è capace di interagire con HIV accelerandone il decorso. I sintomi dell'HIV si possono racchiudere in una sola frase: aggravare le altre malattie, fino a farle diventare letali.

    RispondiElimina
  8. Facciamo un esempio.
    ho la tbc: sintomo chiaro tbc
    ho un erpes: sintomo chiara erpes.
    ho epatite: sintomo chiaro epatite.
    hiv???

    ti quoto questo dubbio di un ragazzo che ha avuto un rapporto non protetto:
    sito originario: http://www.medicitalia.it/02it/consulto.asp?idpost=11052


    Non mi riponde più nessuno? Sono molto preoccupato, aiutatemi vi prego!
    I dolori articolari che ho avuto per tre giorni (ad una settimana dal rapporto a rischio), possono essere un sintomo dell'Hiv? Ho letto che tra i sintomi dell'infezione acuta ci sono anche dolori artro-muscolari. Potrebbero essere questi? Oppure i miei dolori sono comparsi troppo precocemente e sono durati troppo poco per essere dei possibili sintomi di Hiv?

    Grazie e vi prego aiutatemi

    Carissimo,
    ti ripeto di stare tranquillo, la sintomatologia che hai riferito non è affatto indicativa, oltre al test di positivtà agli anticorpi HIV esistono metodiche di titolazione del virus stesso, molto più precoci, per questo motivo ti consigliavo di andare fin da subito presso l'ospedale "Spallanzani".

    saluti

    Dott. Raffaele Marino

    Tutto questo per un dolore articolare?!?!?!?

    RispondiElimina
  9. No, tutto questo perché il ragazzo è preoccupato e vuole sapere se è sieropositivo. Al posto suo non mi preoccuperei, ma se è incerto fa bene a farsi le analisi.

    HIV, sintomi evidenti: spossatezza, debolezza, lieve febbre, tra i più comuni. Passato il primo periodo, poi, nemmeno quelli.

    Altre malattie
    Gonorrea: se sei maschio te ne accorgi per piccole perdite, se sei femmina non è evidente (almeno all'inizio)
    Herpes: sfoghi salutari, ma il virus è 24h al giorno 365 giorni l'anno dentro l'organismo, non si guarisce mai e si ha evidenza della sua presenza solo qualche volta.
    Streptococco: la patologia più comune è il mal di gola, ma può essere anche un'infezione molto grave. E' presente nell'80% delle persone a livello della laringe, ma non tutti se ne accorgono.
    Meningite: anche qui, una percentuale soltanto degli infettati sviluppa sintomi (gravi, sicuramente, ma non tutti)
    Ulcera: Helicobacter pylorii è nella stragrande maggioranza della popolazione, ma solo pochi sviluppano la malattia.

    Insomma, non mi pare che ce ne siano poche di malattie asintomatiche :-)

    RispondiElimina
  10. non "sfoghi salutari" ma "saltuari"

    RispondiElimina
  11. ciao ... ma se il hiv non esiste cosa sono gli anticorpi che vengono fuori?...su certe cose sono dacordo con deusberg e mullis..ma non riesco a capire cosa sono gli anticorpi cosa ci fanno gli perche vengono a tante persone?

    RispondiElimina
  12. IO non me ne intendo francamente, troppe domande e poche risposte.

    RispondiElimina
  13. la cosa più brutta è che il vaccino esiste ma i ministri bindi veronesi sirchia storace e adesso la turco non lo hanno accettato se andate a vedere sul giornale Aavvenire del 25 settembre 2007 pagina 9 .
    Il medico si chiama DR.Paolo Trevisanato ma lo stato ci deve sempre guadagnare non credete .Anna

    RispondiElimina
  14. Ora guardo e mi informo.
    Grazie Anna

    A.Rumi

    RispondiElimina
  15. Purtroppo Anna non esiste un archivio dell'avvenire anteriore al 2008.
    Se riesci a postare l'articolo te ne sarò grato.

    Grazie

    RispondiElimina
  16. Come è possibile dire che l'hiv non esiste se ho linfonodi grossi come noccioline, eruzioni cutanee, e spossatezza?
    Se è vero che l'hiv non esiste e che è provocato da uno stile di vita sbagliato perchè c'è tanta gente che ce l'ha pur avendo sempre avuto uno stile di vita sano e magari un rapporto non protetto o una trasfusione di sangue infetto?
    Non sai quanto pagherei perchè sia come sostengono i dissidenti e mi avevano anche convinto ho sospeso la terapia per circa un anno, stavo bene perchè la tossicità dei farmaci è molto forte, ho mangiato benissimo spendevo per la mia dieta circa 500 euro al mese tra aloe,zapper,iperico,spirulina,nac (per aumentare i livelli di glutatione),th verde,vitamina c ma i miei cd4 da 834 sono passati a 400 nel giro di 3 mesi e la carica virale da inferiore ai 50 e arrivata a 29800. Ho provato paura e ho riniziato la terapia. Stavo male prima di scoprire di essere hiv+ e non prendevo i farmaci perchè non sono guarito spontaneamente vist che il mio corpo aveva creato degli anticorpi?
    Ho letto di tutto su inernet dal 2004 ad oggi e l'idea che mi sono fatto e che l'hiv sia un virus creato in laboratorio o un virus trapiantato da animale ad essere umano magari tramite il vaccno della polio che ha usato organi di scimmia come tessuto.
    ricordo a chi non lo sapesse che tale virus è prente nei gatti e nelle scimmie eppure nonsi drogano. Forse è vero che esiste una cura ma sia controproducente dal punto di vista economico produrla. Tanto ricordiamoci che paga lo stato e le aziende farmaceutiche ingrassano Ah lo stato lo paghiamo noi.
    Oltre al britannico guarit spontaneamente e il trapiantato di midollo chi è guarito dall'hiv?
    Io so come l'ho presa ho fatto sesso con una persona che mi ha detto una settimana dopo di essere hiv+ le cose che ho scritto a te le vorreidire ad un medico dissidente, un medico che non ha l'hiv un medico che non sa un cazzo su come si sta. che mi dici

    RispondiElimina
  17. Purtroppo non so che dire! Non sono un dottore e neanche un laureato Quello che cerco di fare è di informarmi ed è evidente che, quando si cercano risposte, ti assalgono parecchi dubbi.
    Resta il fatto che ogni anno Molte persone muoiono e, non capire realmente di cosa muoiono, fa girare un po i maroni.

    RispondiElimina
  18. anni fa ho avuto rapporti sessuali orali senza pensare hai rischi usavo il preservativo ma so che anke il sesso orale puo essere contagioso ho cominciato a dubitare di un ragazzo non mi ispirava sicurezza sono passati 4 anni dall ultima volta che sono stata con lui ho paura di farmi il test vorrei sapere che tipo di sfoghi cutanei nascono ditemelo perfavore

    RispondiElimina
  19. Per prima cosa penso che, se ritieni di aver avuto un rapporto a rischio, dovresti fare gli esami necessari. Seconda cosa, non ho idea di quali siano i sintomi reali, per questo dovresti consultare un dottore specifico.
    Stiamo parlando di salute e non di come curare l'acne.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  20. Ciao a Tutti , una considerazione da fare , ma se il virus dell Hiv non è stato isolato come hanno fatto o faranno a fare un vaccino, trovare gli anticorpi nel sangue mi sembra una cosa normalissima o sbaglio, chi non ha avuto o ha infiammazioni anche leggere nel corpo, basta una stupida influenza ad attivare gli anticorpi e dare un esito sbagliato.
    Un salutone

    RispondiElimina
  21. No purtroppo non esiste un archivio storico dell'Avvenire.
    Comunque in lilachat, terapie e dintorni stiamo dibattendo proprio la faccenda strana del dr,. Trevisanato.
    Siamo riusciti a reperire una copia del messaggero.

    RispondiElimina

Tutto ciò che scriverai di : offensivo, lesivo per la dignità altrui, ingannevole ecc..., sarà assoggettabile giuridicamente solo ed esclusivamente alla tua responsabilità.